10%

Sconto minimo
prenotando sul nostro sito

L’Hôtel Belloy St Germain
Paris e la sua storia

L’hôtel Belloy Saint-Germain Paris, già hôtel des Etrangers, è stato luogo d’incontro e dibattito dei poeti membri del circolo Zutique.

Tra i suoi membri si ricordano nomi illustri come Charles Cros, Arthur Rimbaud, Paul Verlaine, André Gill, Ernest Cabaner o Léon Valade. I poeti del circolo Zutique si distinguono per un pensiero fortemente radicale e dissidente.

Parodia, caricatura, poesia e musica si inconrano tutti all’hôtel des Etrangers.

I membri si riunivano in una camera al mezzanino, i dibattiti andavao avanti tutta la notte, fino all’alba.

Tra il dicembre 1870 e il febbraio 1871, Arthur Rimbaud ha vissuto al piano mezzanino dell’hôtel Belloy Saint-Germain Paris.

Situato in un quartiere intelettuale, in prossimità della Sorbonne e profondamente influenzato dalla letteratura, l’hôtel Belloy Saint-Germain Paris è l’incarnazione della Parigi dei filosofi e degli illuministi.

Tuttoggi il quartiere non ha ancora perso la sua effervescenza : turisti, scrittori, venditori di libri, studenti della Sorbonne passeggiano tra le vie animate e piene di negozi.

La storia si respira in ogni luogo del quartiere : la Cattedrale di Notre-Dame costruita tra il 12o e il 14o secolo, l’Ile de la Cité, la Sorbonne « la testa, il cuore e il midollo di Parigi», fondata nel 13o secolo e simbolo della vita studentesca di Parigi, le famose librerie specializzate in letteratura anglofona come Shahespeare & Co fraquentata anche da Hernest Hemingway, Ezra Pound, F.Scott Fitzgerald, Gertrude Sein e Jame Joice.

Nelle azzurre sere d’estate, andrò per i sentieri,
punzecchiato dal grano, a pestar l’erba tenera :
trasognato sentirò la frescura sotto i piedi
e lascerò che il vento mi bagni il capo nudo.

 

Io non parlerò, non penserò più a nulla :
ma l’amore infinito mi salirà nell’anima,
e me ne andrò lontano, molto lontano come uno zingaro,
nella natura, lieto come una donna.

 

Arthur Rimbaud

- Marzo 1870 -
Extrait de Poésies complètes, con prefazione di Paul Verlaine, 1985